Gnocco Fritto – Ricette Dal Medioevo
    Ricetta relizzata daGnamit
    Valutazione ricetta
    Porzioni per: 4 - 6 persone
    Tempi di preparazione:5 minuti
    Tempi di cottura:15 Minuti
    Calorie per singola porzione da 100g:271 Kcal

    Gnocco Fritto – Ricette Dal Medioevo

    Giunti per l’occasione della manifestazione medievale, Federicus, nella citta di Altamura, ospiti di una famiglia del posto, abbiamo ascoltato le numerose legende narranti del grande imperatore (da cui prende il nome la manifestazione), fondatore della stessa città. Federico II Di Svevia è riconosciuto come l’imperatore che ricostruì e fondo la città nel 1232, vi eresse una cattedrale palatina, l’unico edificio sacro costruito dallo Stupor Mundi, abituato a edificare castelli. Tra i tanti miti abbiamo ascoltato alcune ricette che i paesani fanno risalire ai tempi federiciani, tra queste la ricetta dello gnocco fritto a cui si attribuisce una lontana parentela con le famose Pettole di Altamura (pèttëlëcchie).

    Lo gnocco fritto, street food medievale, è una preparazione semplice, fatta di pasta di pane fritta nello strutto.
    Fino agli anni Sessanta del secolo scorso rappresentava il pranzo dei contadini impegnati tutto il giorno nei campi, che lo consumavano come un pane più sostanzioso. La sua prelibatezza ai tempi nostri è tipica delle province di Modena e Reggio Emilia, ma con altri nomi (e
    qualche variazione negli ingredienti) la preparazione è conosciuta e consumata in diversi territori italiani.


    INGREDIENTI:

    160 ml Acqua tiepida

    15 g Lievito di birra

      350 g Farina “00”

      30 g Strutto ammorbidito a temperatura ambiente

    Un pizzico di sale

    1 l Olio di Arachidi (o 500 g di strutto, secondo la tradizione)


    PREPARAZIONE

    1. Mescolare tutti gli ingredienti fino a formare una palla e lasciatela riposare per almeno 1 ora in ambiente tiepido.
    2. Trascorso il tempo della lievitazione, infarinate il piano di lavoro e stendete l’impasto con il mattarello fino a ottenere uno spessore di
      circa mezzo centimetro.
    3. Tagliate a forma di rombo, e tuffate nell’olio di arachidi (o strutto) ben caldo: rigirate gli gnocchi e scolateli con un mestolo traforato quando saranno gonfi e dorati. Buon appetito!

    La raccolta punti gnamit che ti premia in base alle tue ricette!

    Iscriviti al nostro gruppo Facebook e rimani aggiornato su tutte le NEWS di RICETTECIBOALIMENTAZIONE e SALUTE!

    Quanto ti è piaciuta questa ricetta?

    Clicca sulle stelle per valutare la ricetta!

    Median voto / 5. Valutazioni totali:

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Ricette Più Votate

    Annunci Sponsorizzati

    Scrivi a info@gnamitfood.it per collaborazioni!